Arte

L'arte di Nicola Schiavone

L arte di Nicola 519c842badf41
45,00 €
Larghezza: 200 mm
Altezza: 140 mm
Autore: Schiavone LuciaSchiavone Lucia


Ho scritto questo volume sull’arte di mio nonno lo scultore Nicola Schiavone

Ho scritto questo volume sull’arte di mio nonno lo scultore Nicola Schiavone in occasione del suo centenario dalla nascita 1907, iniziando già nel 2006 un vero lavoro di ricerca sul materiale storico-critico ed artistico. Purtroppo alcune vicende della vita hanno ritardato di alcuni anni l’uscita di tale pubblicazione, sentita profondamente, infatti devo proprio a mio nonno Nicola Schiavone, mai conosciuto personalmente, perché deceduto il 5 dicembre del 1967, la passione, l’amore per il “Bello”, per “l’Armonia” e per “l’Arte”. Sin da piccola sono stata circondata a casa dai disegni, dalle sculture, dai quadri, dai progetti architettonici, dai cataloghi e dai libri di storia dell’arte di nonno Nicola, suscitando in me la curiosità di come nasce un’opera d’arte e quali segreti si celano dietro. Per poter studiare e comprendere l’espressività artistica ed emotiva di mio nonno, ho dovuto creare una distanza critica, deontologica, un vero filtro obbiettivo dato da una impostazione scientifica confortata dai miei studi universitari.
Questo catalogo biografico sulla figura artistica del professore scultore Nicola Schiavone è un omaggio alla sua arte, alle sue sculture dalle piccole dimensioni, ma dalla grande sensibilità, è una rivalutazione sulla sua produzione grafica, pittorica e progettuale, è una scoperta su tutto il materiale inedito di un artista del Sud, capace di emozionare nel difficile momento storico del Fascismo. La dura realtà di quegli anni, la povertà e la guerra, non hanno impedito allo scultore di seguire la lezione dei grandi da: Rodin, Medardo Rosso, Vincenzo Gemito, Leonardo Bistolfi ad Arturo Stagliano, allievo proprio di quest’ultimo. Egli è vicino agli artisti che non abbandonano la figura e la natura, durante la sua vita ha sempre nutrito una grande ammirazione per lo scultore Giacomo Manzù, per la sua capacità di osservare e cogliere dalla natura la sua produzione plastica. Infatti, non è difficile trovare un riscontro fra l’operato dell’artista pugliese e le parole di Manzù: «Non abbiate paura della natura. [...] Non pensate di inventare il mondo con delle Forme, con preconcetti plastici...» .
L’eredità formativa lasciata da Bistolfi e da Stagliano sarà sempre presente nella sua vita di scultore e di insegnante. Quando ritorna nella sua Daunia, nella terra del coevo Giacomo Negri e del San Severese Luigi Schingo, dell’abruzzese Antonio Di Pillo trasferitosi in Puglia, Egli si distingue, perché porta con sé un’altra esperienza, quella torinese, dalla sensibilità per il “Simbolo” e per l’impressionismo nel modellato, si differenzia anche nei disegni architettonici e nei progetti per l’arte funeraria, ove pone la sua attenzione ad una linea grafica capace di donare una nuova impostazione di moderna classicità dai richiami e dal sapore Mitteleuropeo.

Prodotti correlati

Consigliati

Drusilla e i riccioli magici
Ciabattini Claudia e Chessa Dalila
Obice Huc
Mezzedimi Meris
Internet non ci basta più
Malvolti Armido - Benassi Laura - Vannini Alessio

News & Eventi

26 Marzo 2022 ore16,00

26 Marzo 2022 ore16,00

Sabato 26 Marzo 2022 alle ore 16,00 presso l'Oratorio di Don Bosco di Viareggio si terrà la presentazione della silloge I Figli dei tablet di Devid Bracaloni

Continua…



22 gennaio ore 17,00

22 gennaio ore 17,00

Sabato 22 gennaio, alle ore 17,00 presso la Galleria Ambigua di Arezzo si terrà la presentazione del volume di poesie dell'Autrice Lucrezia Lombardo CERCANDO IL MEZZOGIORNO

Continua…


22 dicembre 2021 ore 21:00

22 dicembre 2021 ore 21:00

Mercoledì 22 dicembre al teatro dei Servi a Massa, si terrà una rappresentazione teatrale del libro CONTO ALLA ROVESCIA,  di Gennaro Di Leo e Carlo Pernigotti. Un gruppo di amici, lo stesso appartamento, la stessa occasione. O quasi. Due atti, due cenoni di San Silvestro, due vigilie di cambiamenti.

Continua…


21 dicembre 2021 ore 17:00

21 dicembre 2021 ore 17:00

Martedì 21 dicembre al ridotto del teatro del Popolo, in piazza Unità dei Popoli a Colle val d'Elsa, sarà presentato il libro OBICE HUC, il nuovo libro di Meris Mezzedimi. Il libro narra di un'anziana coppia che trova il modo di rendere degli di essere vissuti i giorni delle restrizioni per la pandemia, grazie ai valori della famiglia, dell'amicizia e della cultura. L'incontro, a cui parteciperà anche il presidente della Pro Loco Mario Provvedi sarà guidato da Daniela Rita Menin Bozzi. L'autore sarà disponibile per autografare le copie del libro.

Continua…

 Contattaci
 
 
reCAPTCHA: Imposta il tuo sito e la chiave segreta nella pagina di configurazione.

Edizioni Helicon

Sede Legale
via Monte Cervino 25
52100 Arezzo

Sede operativa
via Roma 172
52014 Poppi (Arezzo)

+39 0575 520496 | 338 6565640
edizionihelicon@gmail.com

Termini e Condizioni

Privacy Policy

Distribuzione

PAYMENT ACCEPT

mastercard american express paypal