Autori

Pietro Rizzo è nato il 12 febbraio 1937 in una piccola stazione ferroviaria ai piedi del massiccio del Pollino, gruppo montuoso che segna il confine, a Nord, fra la Calabria e la Basilicata. Dopo pochi anni la sua famiglia si trasferì più a Sud, sulla tratta ferroviaria che unisce Cosenza con Catanzaro. L’ultima stazione, dove il padre prestò servizio, rappresenta e si identifica nel luogo ideale, ma anche concreto, di ogni sua proiezione emozionale possibile. Il suo nome è “Decollatura”. Egli vi ritorna costantemente con il suo cuore, con il suo sentimento e ne rivive circostanze ed emozioni indicibili. Dopo aver completato gli studi superiori a Catanzaro, che raggiungeva con il treno a vapore, ha accumulato esperienze composite e formative uniche, presso l’Università di Messina per ben due volte, conseguendo le lauree in Materie filosofiche e in Giurisprudenza. In questo arco di tempo è stato anche allievo presso la Scuola Militare e poi Ufficiale, più volte richiamato, fino a conseguire il grado di 1° Capitano. Successivamente - ma a soli 35 anni - Preside, dopo essere stato titolare di Lettere in Istituti superiori fin dall’età di 27 anni. Fa parte di quella, ormai, sparuta categoria di persone che hanno iniziato, in giovinezza, giurando fedeltà a chi fece altrettanto, per l’intera vita, da costruire insieme, con gioia, dedizione - e sacrificio, se si vuole - ed il necessario e benaugurante apporto della nascita di più figli. Ha propensione a ritagliarsi spazi di solitudine, ma si tratta di solitudine, a volte, rumorosa, che crea immagini, luoghi e circostanze di inesprimibile felicità ed armonia, soprattutto nei suoi molti riquadri naturali, in boschi e rigogliose pianure, solcate da fiumi capaci di mormorare e dar voce, ancora ora, a sbalordimenti indicibili a dirsi. Decollatura, che racchiude i suoi affetti più veri è come l’ultima Thule alla quale vorrà tornare alla fine dei suoi giorni. Egli ama scrivere, quando un qualcosa, un indizio, o altro che non è possibile definire, accendono quel luogo inaccessibile, dove la memoria involontaria, trova lievito e fermento. In questo modo hanno visto la luce e tramutarsi in scrittura i suoi libri: “Incontro con il protagonista di un libro fuori posto”; “Mio Padre e il suo violino”; “Le Magie del Tramonto”; “Rosso è il colore delle foglie a Novembre”; “Ascoltare il Silenzio. Un Ossimoro: suggestioni, incanto e realtà nell’Era della Tecnica”; “Viaggio oltre l’Effimero”; “Io e Thomas Merton. Breve storia di un incontro e di un’assidua frequentazione”. Ed altri scritti ancora, oggetto di trasposizione letteraria di riflessioni e esperienze. In quest’ultima tornata ha dato visibilità e consistenza, traendole fuori da un’ingiallita cartella, a voci a lui care, dal suono perenne che tuttora viaggiano con lui in quest’ultimo tratto di strada. Per più di cinquant’anni ha svolto la professione di Avvocato.

Prodotti correlati

Consigliati

Bambine negate
Pratici Marina - Jacquelin Monica Magi - Massi Anna
Obice Huc
Mezzedimi Meris
Internet non ci basta più
Malvolti Armido - Benassi Laura - Vannini Alessio
Drusilla e i riccioli magici
Ciabattini Claudia e Chessa Dalila

Premi Letterari

 Contattaci
 
 
reCAPTCHA: Imposta il tuo sito e la chiave segreta nella pagina di configurazione.

Edizioni Helicon

Sede Legale
via Monte Cervino 25
52100 Arezzo

Sede operativa
via Roma 172
52014 Poppi (Arezzo)

+39 0575 520496 | 338 6565640
edizionihelicon@gmail.com

Termini e Condizioni

Privacy Policy

Distribuzione

PAYMENT ACCEPT

mastercard american express paypal